Un punto... nella Rete - Un punto... nella Rete

Un punto... nella Rete di Mario Mariani

RSS Feed

La semplicità premia il consumo

Sono stato attratto da una press release di M:Metrics, un’azienda che fa rilevazione di audience in ambito mobile.

Una recente analisi mette a confronto l’utilizzo di Internet in mobilità utilizzando l’Iphone e lo Smartphone con il resto del mercato.

I dati sono incredibili e si commentano da soli. Tutto questo conferma che il design e la semplicità di utilizzo di tecnologie sofisticate possono veramente fare la differenza e creare nuovi mercati.

Mobile Content Consumption: iPhone, Smartphone and Total Market: January 2008

Activity

iPhone

Smartphone*

Market

Any news or info via browser

84.8%

58.2%

13.1%

Accessed web search

58.6%

37.0%

6.1%

Watched mobile TV and/or video

30.9%

14.2%

4.6%

Watched on-demand video or TV programming

20.9%

7.0%

1.4%

Accessed Social Networking Site or Blog

49.7%

19.4%

4.2%

Listened to music on mobile phone

74.1%

27.9%

6.7%

Source: M:Metrics, Inc., Copyright © 2008. Survey of U.S. mobile subscribers. Data based on three-month moving average for period ending 31st January 2008, n = 31,389.

*Smartphones include devices running Windows, Symbian, RIM or Apple operating systems.

Commenti

Provo a interpretare i dati: Chi possiede uno Smartphone generico non è detto che l'abbia comprato per connettersi ad Internet. La maggior parte degli individui che vedo con uno smartphone in mano, non sa di avere uno smartphone, mentre chi compra un iPhone, in questo momento in cui solo poche nazioni lo hanno introdotto regolarmente, è con più probabilità uno "smanettone" che sa bene cosa ha comprato e quindi ne sfrutta tutte le potenzialità. Sarebbe interessante per esempio averne una versione aggregata diversamente, con la separazione tra Symbian, Windows Mobile e RIM. Probabilmente scopriremo che su RIM si usa Internet prevalentemente per le email, mentre su Symbian c'è una coda lunga di applicazioncine strane come Fring, e su Windows invece troveremo molto web browsing puro. Tra le stranezze a mio parere più evidenti di quell'analisi c'è sia il 51,8 (20,9 + 30,9) utenti che ci guarda la TV online... E per iPhone di TV online ce n'è davvero poca a disposizione... Ottima segnalazio però. Grazie Mario
A quanto pare è una tendenza diffusa anche per altri prodotti di consumo. Una ricerca dell'università di Jena, in Germania, ha dimostrato che l'efficacia percepita di una crema antirughe (!) è influenzata da: confezione, stile del flacone, profumo delicato, texture soffice e persino suono prodotto dalle dita sul contenitore. Insomma...una serie di sensazioni e senza dubbio, ultima, quella della reale efficacia